Discussione:
Marchionne e Bergonzoni
(troppo vecchio per rispondere)
Omega
2014-05-29 17:45:19 UTC
Permalink
L'ultima uscita di Marchionne: "sulle elettriche si perdono 15.000 euro
per vettura. La 500 elettrica si è fatta solo perché per vendere in
California è obbligatorio avere quialcosa del genere in catalogo."

Sicuramente la Nissan, che ha venduto più di 100.000 esemplari della
Leaf (e venduti intorno ai 30.000 euro, ci ha rimesso 15.000 euro per
esemplare, cioè un miliardo e mezzo di euro. Rotfl!
Ma per favore Marchionne! :))

Mi chiedo se costui ci è o ci fa, alla Bergonzoni per intenderci, con i
suoi spassosi nonsense.

Mi sembra ovvio che se produci qualche esemplare da mettere in vetrina
ci rimetti, perché non è una produzione di serie. Ma bisogna dirle a un
imprenditore queste cose?

Oppure, come penso, è lui a dire certe putt... solo perché vuole battere
a chiacchiere chi fa sul serio, cioè perché non ha un'ingegneria capace
di un'elettrica che faccia concorrenza a Nissan o anche solo a Renault?
(che entrambe annunciano un incremento di autonomia di circa il doppio
per i prossimi anni: e questi mantengono le promesse, mica sono solo a
caccia di incentivi come fiat).

Marchionne ha esportato negli Usa il problema italiota: imprenditoria
bottegaia e competenza di seconda mano. Non aspettavano altro, dopo la
mafia.

Saluti
Roberto Deboni DMIsr
2014-05-29 19:59:58 UTC
Permalink
Post by Omega
L'ultima uscita di Marchionne: "sulle elettriche si perdono 15.000 euro
per vettura. La 500 elettrica si è fatta solo perché per vendere in
California è obbligatorio avere quialcosa del genere in catalogo."
Sicuramente la Nissan, che ha venduto più di 100.000 esemplari della
Leaf (e venduti intorno ai 30.000 euro, ci ha rimesso 15.000 euro per
esemplare, cioè un miliardo e mezzo di euro. Rotfl! Ma per favore
Marchionne! :))
Mi chiedo se costui ci è o ci fa, alla Bergonzoni per intenderci, con i
suoi spassosi nonsense.
Mi sembra ovvio che se produci qualche esemplare da mettere in vetrina
ci rimetti, perché non è una produzione di serie. Ma bisogna dirle a un
imprenditore queste cose?
Oppure, come penso, è lui a dire certe putt... solo perché vuole battere
a chiacchiere chi fa sul serio, cioè perché non ha un'ingegneria capace
di un'elettrica che faccia concorrenza a Nissan o anche solo a Renault?
(che entrambe annunciano un incremento di autonomia di circa il doppio
per i prossimi anni: e questi mantengono le promesse, mica sono solo a
caccia di incentivi come fiat).
Marchionne ha esportato negli Usa il problema italiota: imprenditoria
bottegaia e competenza di seconda mano. Non aspettavano altro, dopo la
mafia.
Ma sta bene ?
Glielo chiedo, perche' sono totalmente d'accordo con lei.
Omega
2014-06-01 14:48:31 UTC
Permalink
Roberto Deboni
Post by Roberto Deboni DMIsr
Omega
Post by Omega
...
Marchionne ha esportato negli Usa il problema italiota: imprenditoria
bottegaia e competenza di seconda mano. Non aspettavano altro, dopo la
mafia.
Ma sta bene ?
Glielo chiedo, perche' sono totalmente d'accordo con lei.
Allora forse è lei a non star bene :))
AleTV
2014-05-30 17:06:53 UTC
Permalink
Mi sembra ovvio che se produci qualche esemplare da mettere in vetrina ci
rimetti, perché non è una produzione di serie. Ma bisogna dirle a un
imprenditore queste cose?
Se è per quella la fu fiat ha a catalogo anche la 500 a metano per la modica
cifra di... 23.000 EURO!!!!! (ventitremila euro, diecimila abbondanti più
della versione benza/diesel).
Quando l'ho saputo sono rimasto letteralmente di merda.
Omega
2014-06-01 14:49:45 UTC
Permalink
AleTV
"Omega"
Post by Omega
Mi sembra ovvio che se produci qualche esemplare da mettere in vetrina
ci rimetti, perché non è una produzione di serie. Ma bisogna dirle a
un imprenditore queste cose?
Se è per quella la fu fiat ha a catalogo anche la 500 a metano per la
modica cifra di... 23.000 EURO!!!!! (ventitremila euro, diecimila
abbondanti più della versione benza/diesel).
Quando l'ho saputo sono rimasto letteralmente di merda.
... che genera metano :))
Che la fiat ci faccia conto? :))

Però ci sono delle attenuanti: a parte il motore e il sistema di
alimentazione, che non sono grandi problemi e comunque hanno le loro
esigenze con costi non proprio di serie per i pochi esemplari che si
producono, il fatto è che se uno mette le bombole del metano su una 500,
oltre al fatto che questa si accartoccia subito essendo di
lamiera-velina :)), come fai a garantire la sicurezza, ossia a evitare
che in caso di incidente le bombole (220 bar) non vengano
interessate?(*) Devi riprogettare l'intera struttura, se non sei un
incosciente. E secondo me i costi nascono di lì, oltre che dal fatto che
non è neanche questa una produzione di serie.

(*) Le bombole, per conto loro, sono dichiarate resistere fino a 2,5
volte la pressione d'esercizio, quindi intorno ai 450 bar, perciò
notevoli spessori e quindi peso considerevoli (acciaio al
cromo-molibdeno, e quelle nuove in materiali diversi pesano solo un
10/15% in meno).

Un'auto a metano va progettata come auto a metano, comunque questo
combustibile (e poi naturalmente l'idrogeno) è indicato per i grandi
veicoli (autobus) che possono permettersi grosse bombole ben protette e
grossi pesi, non per le macchinette che con piccole bombole avrebbero
meno autonomia delle elettriche (e sarebbero più complicate).
AleTV
2014-06-01 19:18:35 UTC
Permalink
Post by Omega
Un'auto a metano va progettata come auto a metano, comunque questo
combustibile (e poi naturalmente l'idrogeno) è indicato per i grandi
veicoli (autobus) che possono permettersi grosse bombole ben protette e
grossi pesi, non per le macchinette che con piccole bombole avrebbero meno
autonomia delle elettriche (e sarebbero più complicate).
Dissento totalmente... io il mio polo 1.2 con 3 bombole da 12 kg ci fa bei
300 km con un pieno da 11 euro.
E in giro di auto a metano piccole ce ne sono quante ne vuoi, di panda e
punto natural power ne vedo spesso quando vado a fare il pieno (che
purtroppo non è self-service ed è una gran rottura qui in italia!).
Ma se vai in tedeschi per esempio pure la vw scommette bene sulla up a
metano, e siamo sempre nel ramo delle utilitarie.
Omega
2014-06-02 06:55:12 UTC
Permalink
AleTV
"Omega"
Post by Omega
Un'auto a metano va progettata come auto a metano, comunque questo
combustibile (e poi naturalmente l'idrogeno) è indicato per i grandi
veicoli (autobus) che possono permettersi grosse bombole ben protette
e grossi pesi, non per le macchinette che con piccole bombole
avrebbero meno autonomia delle elettriche (e sarebbero più complicate).
Dissento totalmente... io il mio polo 1.2 con 3 bombole da 12 kg ci fa
bei 300 km con un pieno da 11 euro.
Complimenti, ma se tu guidassi allegro come io guido la mia elettrica,
dubito un po' dei 300 km. Comunque ti credo, anche se ti chiedo come
stai ad accelerazione, rispetto appunto a un'elettrica. Per sgattaiolare
dalle situazioni critiche basta sfiorare l'acceleratore, come con
l'elettrica, che ti incolla al sedile e schizza via come un gatto a cui
hanno pestato la coda, o devi aspettare che il motore rifletta a lungo
sulla vera coppia/potenza di cui dispone e a quanti giri ne dispone?
Sii sincero, e comunque se vuoi un confronto vai da un venditore di
elettriche e fai una prova, anche solo con i giocattoli delle
mitsubishi/citroen/peugeot, ma meglio la Leaf per capire come stanno le
cose nel nuovo mondo (quello elettrico intendo).
E in giro di auto a metano piccole ce ne sono quante ne vuoi, di panda e
punto natural power ne vedo spesso quando vado a fare il pieno (che
purtroppo non è self-service ed è una gran rottura qui in italia!).
Ma se vai in tedeschi per esempio pure la vw scommette bene sulla up a
metano, e siamo sempre nel ramo delle utilitarie.
Bene, scusami per la mia critica, ma io personalmente (saranno
pregiudizi) con 220 bar sotto il didietro (e fra le mani ai
distributori) non mi sentirei così tranquillo. Non mi ci sento neanche
con decine di chili di benzina/gasolio sotto lo stesso didietro,
intendiamoci.
(Il metano mi lascia tranquillo solo alle pressioni "domestiche", e
comunque in casa mia non entra neppure per l'uso domestico).

In ogni caso, l'idea che volevo esprimere - ovviamente opinione
personale, però ben fondata per ragioni che mi sembrano ovvie - era che
ogni propellente vuole un progetto specifico se lo si vuole sfruttare
veramente bene - e in autentica sicurezza nel caso in questione.
E lo dico anche perché ho mezzo smontato una punto a metano per vedere
come l'hanno adattata (bleah! :)))

Perciò neppure l'ibrido gode del mio amore incondizionato benché alcuni
costruttori, Toyota per non far nomi, abbiano fatto veramente bene (per
il futuro è la sola alternativa, e tuttavia provvisoria, che vedo alla
generale mobilità elettrica).

Saluti
AleTV
2014-06-02 07:39:59 UTC
Permalink
Per sgattaiolare dalle situazioni critiche basta sfiorare l'acceleratore,
come con l'elettrica, che ti incolla al sedile e schizza via come un gatto
a cui hanno pestato la coda, o devi aspettare che il motore rifletta a
lungo sulla vera coppia/potenza di cui dispone e a quanti giri ne dispone?
Sii sincero,
Il metano ti taglia un 10% della potenza quindi rende anche il motore meno
reattivo, io con un 1.2 che già di suo non è diciamo rampante ovviamente non
mi posso permettere certe manovre. Ma francamente non se sento proprio la
mancanza, le volte che ho bisogno di avere un maggiore sprint switcho a
benzina, accelero, e mi spingo io contro il sedile per simulare l'effetto
della ripresa bruciante e mi metto a ridere! :-)))
e comunque se vuoi un confronto vai da un venditore di elettriche e fai
una prova, anche solo con i giocattoli delle mitsubishi/citroen/peugeot,
ma meglio la Leaf per capire come stanno le cose nel nuovo mondo (quello
elettrico intendo).
Mi ero ripromesso di andare fino a milano per provare la tesla model s, ma
ancora non ho trovato l'opportunità.
Comunque in ogni caso non avendo i dindi che servono non me ne farei nulla
di una prova simile.
Io per metanizzare la mia auto c'ho speso un 1500 euro, fai te la
differenza...
Bene, scusami per la mia critica, ma io personalmente (saranno pregiudizi)
con 220 bar sotto il didietro (e fra le mani ai distributori) non mi
sentirei così tranquillo. Non mi ci sento neanche con decine di chili di
benzina/gasolio sotto lo stesso didietro, intendiamoci.
E' molto più facile che in caso di incidente prenda fuoco la benza ed
esploda piuttosto del metano in quelle bombole.
Se si arrivano a crepare quelle bombole li in caso di incidente vuol dire
che chi era dentro è comunque già morto di suo...
Perciò neppure l'ibrido gode del mio amore incondizionato benché alcuni
costruttori, Toyota per non far nomi, abbiano fatto veramente bene (per il
futuro è la sola alternativa, e tuttavia provvisoria, che vedo alla
generale mobilità elettrica).
E grazie, sono d'accordo anche io che il futuro sia li, ovvio.
Ma i prezzi devono scendere ancora bene, altrimenti, ciccia...
Roberto Deboni DMIsr
2014-06-03 22:27:02 UTC
Permalink
Post by AleTV
Per sgattaiolare dalle situazioni critiche basta sfiorare
l'acceleratore, come con l'elettrica, che ti incolla al sedile e
schizza via come un gatto a cui hanno pestato la coda, o devi aspettare
che il motore rifletta a lungo sulla vera coppia/potenza di cui dispone
e a quanti giri ne dispone? Sii sincero,
Il metano ti taglia un 10% della potenza
Questo avviene quando utilizzato per motori costruiti per lavorare
a benzina. Mentre un auto che esce dalla fabbrica con un motore
fabbricato per funzionare bene a metano, oltre a
costare meno di un'auto nata a benzina e poi modificata a metano,
ed essere almeno 50 kg piu' leggera, non ha motivo di vedere questo
calo.
Post by AleTV
quindi rende anche il motore
meno reattivo, io con un 1.2 che già di suo non è diciamo rampante
ovviamente non mi posso permettere certe manovre.
In ogni caso non ha senso un tale paragone, perche' l'auto elettrica
usata in quel modo perde rapidamente in autonomia. Inoltre ripesca
la logica del "consumo" per cui piu' energia si consuma, piu' si e'
"cool" ...
Post by AleTV
Ma francamente non se
sento proprio la mancanza, le volte che ho bisogno di avere un maggiore
sprint switcho a benzina, accelero, e mi spingo io contro il sedile per
simulare l'effetto della ripresa bruciante e mi metto a ridere! :-)))
Con un 1200 ?
Si accontenta di poco :-)
Post by AleTV
e comunque se vuoi un confronto vai da un venditore di elettriche e fai
una prova, anche solo con i giocattoli delle
mitsubishi/citroen/peugeot, ma meglio la Leaf per capire come stanno le
cose nel nuovo mondo (quello elettrico intendo).
...snip...
Post by AleTV
Bene, scusami per la mia critica, ma io personalmente (saranno
pregiudizi) con 220 bar sotto il didietro (e fra le mani ai
distributori) non mi sentirei così tranquillo. Non mi ci sento neanche
con decine di chili di benzina/gasolio sotto lo stesso didietro,
intendiamoci.
E' molto più facile che in caso di incidente prenda fuoco la benza ed
esploda piuttosto del metano in quelle bombole.
E' inutile, quella dell'antinuclearista e' la logica irrazionale.
Che le statistiche dicono che per chilometro percorso (il paragone piu'
onesto) le bombole sono molto meno pericolose dei serbatoi a benzina
e che il metano stesso e' meno pericoloso (perche' essendo leggero
si alza rapidamente) non gliene frega nulla.
E gli unici casi a me noti con le bombole collaudate (ovvero dagli
anni '60 in poi) sono avvenuti durante "ricariche" casalinghe fai-da-te
ed hanno avuto a che fare con connessioni garibaldine e fughe di gas
vicino a compressori non protetti e roventi.

Se quello ha l'idea che una bombola possa scoppiare, non ha mai visto la
sezione.

...snip...
Soviet_Mario
2014-06-05 18:14:30 UTC
Permalink
Post by AleTV
Per sgattaiolare dalle situazioni critiche basta sfiorare
l'acceleratore, come con l'elettrica, che ti incolla al
sedile e schizza via come un gatto a cui hanno pestato la
coda, o devi aspettare che il motore rifletta a lungo
sulla vera coppia/potenza di cui dispone e a quanti giri
ne dispone?
Sii sincero,
Il metano ti taglia un 10% della potenza quindi rende anche
il motore meno reattivo, io con un 1.2 che già di suo non è
diciamo rampante ovviamente non mi posso permettere certe
manovre. Ma francamente non se sento proprio la mancanza, le
volte che ho bisogno di avere un maggiore sprint switcho a
benzina, accelero, e mi spingo io contro il sedile per
simulare l'effetto della ripresa bruciante e mi metto a
ridere! :-)))
e comunque se vuoi un confronto vai da un venditore di
elettriche e fai una prova, anche solo con i giocattoli
delle mitsubishi/citroen/peugeot, ma meglio la Leaf per
capire come stanno le cose nel nuovo mondo (quello
elettrico intendo).
Mi ero ripromesso di andare fino a milano per provare la
tesla model s, ma ancora non ho trovato l'opportunità.
Comunque in ogni caso non avendo i dindi che servono non me
ne farei nulla di una prova simile.
Io per metanizzare la mia auto c'ho speso un 1500 euro, fai
te la differenza...
Bene, scusami per la mia critica, ma io personalmente
(saranno pregiudizi) con 220 bar sotto il didietro (e fra
le mani ai distributori) non mi sentirei così tranquillo.
Non mi ci sento neanche con decine di chili di
benzina/gasolio sotto lo stesso didietro, intendiamoci.
E' molto più facile che in caso di incidente prenda fuoco la
benza ed esploda piuttosto del metano in quelle bombole.
Se si arrivano a crepare quelle bombole li in caso di
incidente vuol dire che chi era dentro è comunque già morto
di suo...
concordo totalmente, e rincaro
1) in un genere di incidente normale (tralascio il colpo di
bazooka che ti centra il serbatoio), la rottura del
serbatoio corazzato implica praticamente l'accartocciamento
di tutto il resto, in altre parole è l'anello più forte
dell'intera catena, e quando cede quello, non sei già più li
a potertene rendere conto, ma sei poltiglia.
2) le bombole ad alta pressione non esplodono in brandelli.
Cedono in un unico punto e poi la pressione sfoga la, ergo
producono un'enorme pennacchio "direzionale", come le
cosiddette cariche sagomate.
Ora può andarti di sfiga, ed essere proprio diretto verso
l'angolo sfurtunato, e ti si incenerisce, ma è una
probabilità tra molte. I liquidi invece ti si sversano sotto
e fanno il fuoco sotto il mezzo, impregnano la struttura nel
percolare. La bombola potrebbe anche disancorarsi e partire
a razzo, considerato che è più massiccia e robusta del resto
e non è impensabile che si svincoli anche se perforata o
meglio se abbia ceduto in un punto. Succede anche alle
bottiglie con un ditale d'acqua messe chiuse in microonde :
cedono in un primo punto, poi il vapore si istrada lì e il
resto non cede più perché la pressione sfoga.
Post by AleTV
Perciò neppure l'ibrido gode del mio amore incondizionato
benché alcuni costruttori, Toyota per non far nomi,
abbiano fatto veramente bene (per il futuro è la sola
alternativa, e tuttavia provvisoria, che vedo alla
generale mobilità elettrica).
E grazie, sono d'accordo anche io che il futuro sia li, ovvio.
Ma i prezzi devono scendere ancora bene, altrimenti, ciccia...
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)
Continua a leggere su narkive:
Loading...